Una migliore collocazione per il nuovo ecocentro

Ci è stata trasmessa ieri la proposta di delibera [Leggi] relativa all’acquisizione del terreno dove dovrà sorgere il terzo Ecocentro cittadino che, insieme a quelli di Galboneddu e Ungias Galanté, potrà offrire un servizio aggiuntivo per il conferimento di plastica, carta, vetro e tutti i tipi di oggetti o materiali ovviamente in maniera differenziata, oltre agli sfalci vegetali e ai rifiuti ingombranti.
Il progetto, finanziato con fondi regionali, è in programma da ormai più di quattro anni e adesso, finalmente, sembra che stia prendendo forma.
Dalla cartografia allegata alla proposta di delibera, scopriamo l’ubicazione prevista per questo nuovo servizio che, purtroppo, riteniamo particolarmente infelice, in quanto: è distante dalla viabilità principale (SS291 e SP55bis); per recarsi è necessario attraversare la borgata, con effetti negativi in termini di sicurezza; è a ridosso di un impianto sportivo e di civili abitazioni.
Esistono possibili soluzioni alternative? A nostro avviso si.
Il terreno in oggetto è di proprietà regionale (Laore, ex Ersat), infatti ne è prevista l’acquisizione alla cifra simbolica di un euro. Ma, così come quel terreno, molti altri non sono coltivati (quello probabilmente lo è, in quanto in concessione ad un privato) e sono sempre di proprietà regionale, perciò facilmente acquisibili tramite un accordo con l’Agenzia Laore.
Nella mappa di quella porzione del territorio algherese, i terreni ex Ersat, ora Laore, sono evidenziati in giallo. A nostro avviso sarebbe più opportuno optare per un lotto facilmente accessibile, prossimo alla viabilità principale e distante dalle abitazioni, come ad esempio quello evidenziato o altri con simili caratteristiche.

Precedente Con la sanità algherese allo sbando la politica locale è inesistente o, comunque, inconcludente Successivo L'ambigua delimitazione del centro abitato... cui prodest?